La scala


scala verso il cielo

"Perché fai così?”
Margherita guardò il fratello con aria interrogativa.
"Così come?", disse, "non credi sia normale che mi preoccupi almeno un po'?"
"Come vuoi", disse lui, "anche se credo tu stia esagerando. Funzionerà e non ci scopriranno."
I due uscirono in silenzio dalla stanza. Quel pomeriggio avrebbero cercato di raggiungere la scala.


La scala di Minetri era nota in tutta la regione. Si alzava da una zona selvaggia del parco cittadino e sfidava le leggi della fisica salendo fino a perdersi nel blu del cielo o fino a bucare le nuvole nelle giornate piovose.

Nessuno sapeva dove conducesse. Effettivamente, a memoria d'uomo nessuno era mai riuscito a calpestare o anche solo a scorgere il primo gradino della scala: i rami del boschetto cittadino si intrecciavano così intensamente con i rovi a terra da rendere impossibile anche avvicinarsi alla base della scala.

Durante le stagioni passate molti uomini avevano cercato di raggiungere l’inizio della salita ma senza successo. Ogni rovo estirpato dava vita a due rovi ancora più grandi del primo e ogni ramo tagliato metteva radici non appena toccava terra diventando un albero adulto in pochi attimi.

Così l’unico risultato prodotto dai tanti tentativi era stato quello di allontanare ancora di più la base della scala dal perimetro del boschetto circolare che occupava ormai un'immensa area al centro della città.

Preoccupato dalla progressiva perdita di suolo cittadino per l'avanzare del boschetto, un sindaco di qualche secolo prima aveva vietato ogni tentativo di raggiungere la scala. Da allora quasi nessuno ci aveva più provato e i pochi intraprendenti erano stati scoperti e puniti duramente.

In realtà non c'erano grandi ragioni per cercare di raggiungere la scala. Nessuno sapeva dove portasse e in molti dubitavano perfino che giungesse in qualche luogo. La maggior parte degli studiosi di Minetri era convinta che la scala si interrompesse bruscamente in cielo e altri ritenevano perfino impossibile che potesse reggere il peso di un solo uomo senza crollare irrimediabilmente.



Margherita scivolò lungo il muro perimetrale del parco cittadino e raggiunse il cancello principale superandolo attenta a non incrociare lo sguardo delle due sentinelle. Si fermò a un preciso punto della parete circolare e attese finché non arrivò una corda dall'altra parte del muro. Suo fratello era penetrato nel parco attraverso una crepa apertasi qualche giorno prima per via di alcune infiltrazioni d'acqua. Era stato arduo attraversarla ma era l'unico modo di entrare senza passare dai varchi sorvegliati.

In pochi minuti i due giunsero al boschetto interno che si ergeva imponente e compatto tanto che lo spessore del muro verde poteva solo essere immaginato. I due fratelli non avevano portato nessun tipo di attrezzatura per cercare di far breccia sul muro di rovi e rami che si trovavano davanti e si limitarono a sedersi in due punti opposti della macchia circolare.

Margherita si posizionò a gambe incrociate guardando il boschetto nella direzione di suo fratello che fece lo stesso guardando verso di lei. Entrambi presero a riflettere intensamente, pensando non all'idea di raggiungere la scala ma a quella di ritrovarsi a vicenda.

L'uno immaginava di riabbracciare l'altra in mezzo al bosco e l'altra faceva lo stesso immaginando la linea ideale che li separava che altro non era se non il diametro di quel peculiare groviglio verde.

Ad un tratto Margherita sentì un piccolo rumore, come di un rametto calpestato da un uomo. Ne seguì un altro simile e poi un altro ancora finché il boschetto iniziò a vibrare nella direzione del fratello crepitando come fa un fuoco di rovere.

Un paio di foglie caddero mentre le trecce di rovi che la ragazza aveva davanti si spostavano a destra e a sinistra creando un abside di foglie e spine. Margherita si alzò da terra ed entrò in quella nicchia della parete verde che lentamente avanzava in direzione del centro.

Dopo tre o quattro passi all'interno del boschetto Margherita si rese conto che la parete di rovi e rami si era richiusa dietro di lei. Non c'era più modo di tornare indietro.

Si fece coraggio e continuò ad avanzare nelle viscere di quella parete viva mentre l'ultimo raggio di luce scompariva dietro di lei. Proseguì avvolta nelle tenebre per alcuni lunghissimi minuti finché, con il cuore in gola, non intravide una luce fioca davanti a se.

"Margherita. Margherita. Mi senti?"

Sentì la voce del fratello che la chiamava sempre più chiaramente.

"Eccomi. Ti sento."

E iniziò a correre e i rami le si aprivano davanti per poi richiudersi alle sue spalle finché non si trovò all'aperto, il cielo sopra di lei e suo fratello che le correva incontro.

Dopo un abbraccio di liberazione i due iniziarono a guardarsi intorno e si resero conto di trovarsi in un'area circolare, completamente delimitata dal boschetto. Al centro di quella piazza naturale la scala iniziava la sua salita apparentemente illimitata. Era circondata da un elegante recinto in ferro battuto aperto proprio in direzione del primo gradino.

La scala era di semplice pietra bianca e poggiava a terra delicatamente dando l'aria di non pesare nulla.

"Andiamo?", chiese Margherita.

"Andiamo."



Il giorno dopo in molti a Minetri giurarono di aver visto due piccole sagome salire la scala fino a perdersi nel cielo.

Si fecero delle indagini e si appurò che il boschetto era più impenetrabile che mai. Quasi tutti furono daccordo nel dire che si era trattato di uno scherzo del sole al tramonto.

Qualcuno, però, continua a raccontare ai propri figli di quella volta che, al tramonto, due sagome scomparvero nel cielo tenendosi per mano.

Salvatore Teresi


[image via WallpaperDisk]

Comments

L'uomo parla al mare




L’uomo parla al mare. Il vecchio uomo parla al mare e racconta storie dimenticate, racconta i ricordi di una vita, racconta gli errori di cui si è pentito e quelli che rifarebbe senza cambiare nulla.

Qualche lustro fa raccontava sogni, ora di quelli non ce n'è più. Il futuro è sempre stato incerto, anche negli anni d'oro, ma oggi il vecchio uomo vive di solo passato e lo mira e lo rimira riflesso negli scintillii delle onde che battono il bagnasciuga.

Il vecchio uomo parla al mare da sempre e le sue illusioni di ricevere risposte si sono perse lentamente come un castello di sabbia al giungere della marea.

Qualche volta gli è parso di sentire la voce del mare risolvere i suoi dubbi fusa insieme al vento ma ha poi trovato che era solo l'eco di se stesso. Il mare respira onda dopo onda e rimane lì, ascoltatore perfetto e infinito capace di conservare nei sui abissi i segreti dell'animo più alto.

L'uomo parla al mare e aspetta la dama ultima che lo riporterà a casa. Si chiede quando uscirà dalle acque, il portamento elegante e l'abito bianco perso nella spuma e protenderà le braccia, sorridente, verso di lui per la stretta senza tempo.

L'animo abbraccia l'abisso e si apre alle onde che lavorano invisibili a levigare, carezza dopo carezza e schiaffo dopo schiaffo. L’uomo parla al mare e l'uomo parla all'uomo.

Salvatore Teresi

Comments

La foto



Raccolsi la foto scivolata tra la testata del letto e la parete. Da dietro la polvere di mesi di pulizie poco approfondite due figure mi osservavano sorridenti, apparentemente appagate da quell’esistenza dentro un attimo rubato al tempo. Non ricordavo quella fotografia, eppure mi ritraeva così felice.

Iniziai a cercare particolari che potessero aiutarmi a riconoscere il luogo e la data dello scatto: una fila di lampioni che dipingevano d’ambra una strada deserta, il profilo di una rocca appena illuminata sullo sfondo e il basso rilevo delle curve di sabbia di una lunga spiaggia.

Improvvisamente ricordai tutto.



Era l’estate di qualche anno prima. Laura era così bella quella sera: i suoi occhi sembravano più grandi del solito e il suo ciuffetto ribelle scendeva dalla fronte al mento in un’elegante spirale che mi ipnotizzava ogni volta. Non era vestita in modo troppo elegante. Come al solito aveva trovato il perfetto mix tra curato e trasandato che le donava un’interessante aria da giovane intellettuale.

Avevamo litigato quella sera, in una lunga e appassionata discussione sul tipo di scelta politica di ogni individuo e sulla cooperazione tra gli uomini necessaria a cambiare il mondo. Quella differenza di idee così marcata mi faceva sempre paura. Com’era possibile continuare la nostra storia senza poter condividere con lei le mie scelte più ferme?

Fu allora che mi propose una passeggiata sulla spiaggia. Come al solito non seppi dire di no al suo sguardo così profondo e lasciai perdere i miei dubbi o meglio ci provai visto che, per quanto mi fossi sforzato, non riuscii a togliermi quei pensieri dalla testa.

“Ci facciamo una foto?”

Mi svegliai come da un sonno leggero: aveva parlato a lungo durante la passeggiata ma io avevo continuato a pensare a quelle nostre differenze che mi impensierivano tanto.

Tirò fuori dallo zainetto la sua fotocamera compatta e allungò il braccio cercando di sistemare alla meno peggio l’inquadratura.

“Sorridi.”

E io sorrisi, esibendomi in una smorfia forzata ma estremamente convincente. Nella foto sembravo talmente felice da ingannare perfino me stesso.



Il ricordo di quel sorriso ipocrita mi regalò una spiacevole sensazione di profondo disgusto. Mi chiesi cosa fare di quella foto che per me rappresentava solo un sottile tentativo di modificare ad arte il mio ricordo di quella serata da dimenticare.

Mi adagiai pensieroso sulla poltrona e stavo proprio per strappare la foto quando Laura entrò nella stanza sorridente e notò subito la fotografia che stringevo in mano. La prese curiosa e, con un energico soffio, tolse la polvere che la ricopriva.

“Una delle mie foto preferite. Pensavo l’avessimo persa. Che ne dici se ne facciamo un quadretto a ricordo di quella magnifica serata?”

“D’accordo.”, risposi.

Salvatore Teresi

Comments

Jazz



La playlist continuava a scorrere facendomi venire i brividi sulla schiena e la pelle d’oca alle braccia. L’avevo composta con cura: ogni singolo brano mi trasmetteva delle emozioni forti, di quelle che ti fanno prima alzare lo sguardo, poi chiudere gli occhi e infine sognare.

Quella notte non avevo alcuna voglia di dormire e tentavo di rendere fruttuose le ore di veglia scrivendo un racconto. Usavo spesso la musica come musa per l’incipit dei miei racconti.

Dal vibrare potente del contrabasso al soffio delicato del flauto traverso, dalla danza dei martelletti sulle corde del pianoforte alla voce nasale del clarinetto. Ogni suono amplificava parti sconosciute di me. Apriva cassetti nascosti.

Jazz”, così si chiamava la playlist che avevo scelto quella volta dopo un breve indugiare del puntatore sulla raccolta dei cantautori italiani.

C’era un lento assolo di una tromba con sordina quando vidi delinearsi piano piano una figura che, al lento ritmo che le spazzole battevano sul piatto, si allontanava da me. Era un anziano uomo che, un po’ ricurvo su se stesso, si avviava verso chissà dove trascinando un piede dopo l’altro.


Mi sfilai le cuffie dalle orecchie. Toccava a me dirigere l’orchestra.


Il vecchio uomo vestiva una camicia di seta bianca, leggermente sbottonata vicino al collo, infilata in un paio di pantaloni di lino beige con una cintura di pelle marrone. Ai piedi un paio di sandali di ottima fattura del tipo di pelle della cintura.

L’anziano camminava su un marciapiede costeggiando un alto edificio di mattoni rossi. Nessuna auto in strada. Iniziai a correre nella nebbia che precede l’alba e lo raggiunsi in un attimo. Naturalmente, non poteva vedermi.

Lo guardai in viso. Trovai un’espressione triste e rassegnata. Decine di rughe gli solcavano il volto come cicatrici di una vita che non ci era andata leggera. Iniziai a camminare accanto a lui.

Passo dopo passo, una figura imponente si staccava dalla nebbia. Era uno dei due piloni del Bay Bridge, il famoso ponte di San Francisco. Il vecchio iniziò a percorrerlo fermandosi di tanto in tanto per chiudere gli occhi e sentire il vento spingere deciso sul suo volto.

Esausto ma determinato a raggiungere la propria meta, l’anziano uomo si trascinava appoggiandosi alla balaustra ferrosa. Ad un tratto il vecchio si fermò e, con estrema diifficoltà, si piego sulle ginocchia.

Su uno degli infiniti piloncini metallici della balaustra erano incise due lettere consumate dalla ruggine degli anni. Un cuore stilizzato segnato con tratto incerto le incorniciava insieme ad una data ormai illeggibile.

L’uomo poggiò la sua mano nodosa sulla vecchia incisione, come a voler ricercare nel freddo metallo un’emozione scomparsa nel tempo. Una lacrima si perse nell’umidità mattutina che ricopriva il ponte.


Qualche ora più tardi, due sandali di pelle giacevano vicino la balaustra pedonale quasi a metà del Bay Bridge di San Francisco. Erano davvero di ottima fattura.

Salvatore Teresi




[L’immagine del post è in vendita su Art.com]

Comments

Il gatto


gatto, giardino, cat, flower


Il cielo tuonò improvvisamente e Francesca staccò lo sguardo dal computer portatile sulla sua scrivania e si girò di scatto verso la finestra. Non pioveva ancora. Per l’ennesima volta il mondo sembrava immobile, bloccato in un limbo dello spazio e del tempo da una luce grigiastra che pesava sui tetti. L’orizzonte era coperto da nuvole scure in tutte le direzioni e anche il cielo era grigio ma la pioggia tardava ad arrivare. Quell’anno era capitato spesso.

Stavolta, però, il temporale era solo questione di minuti perché, ovunque, le rondini volavano veloci verso il proprio nido coscienti che, di lì a poco, l’acqua avrebbe reso più difficili i movimenti delle ali. Dopo una rapida occhiata all’orologio del portatile, Francesca sbuffò seccamente scoprendo che era già ora di cena. Un post-it appeso sulla credenza la avvisava che avrebbe cenato da sola.

Una volta aperto lo sportello del frigo afferrò annoiata la bottiglia di latte scremato che aveva aperto il pomeriggio precedente e ne versò una buona quantità in una tazza piena di cereali. Non aveva alcuna voglia di cucinare.

Consumata velocemente la cena improvvisata, il pensiero andò subito al capitolo di letteratura inglese che non era riuscita a completare e che occupava prepotentemente l’intero schermo del portatile. Si avviò a passo svelto verso la scrivania credendo che avrebbe continuato a studiare ma, appena seduta, si rese conto che non ne aveva alcuna voglia e chiuse lo schermo del notebook con un movimento rapido ma pieno di soddisfazione mentre un furbo sorrisetto le si dipingeva in volto evidenziando la fossetta che aveva sulla guancia destra.

Il cielo tuonò ancora con un suono sordo chiamando Francesca alla finestra. Stava diluviando e fulmini caduti chissà dove illuminavano il cielo facendo più flash di un paparazzo scatenato davanti alla celebrità del momento. Un temporale così non si vedeva da tempo.

L’attenzione della ragazza fu richiamata dal miagolio lamentoso di un gatto che, zuppo, cercava di ripararsi come meglio poteva sotto l’arco del cancelletto in giardino. Francesca non era una grande amante degli animali ma quel gatto le fece una tale pena che decise di tentare di avvicinarlo per portarlo in casa a scaldarsi.

Presa una scatola sufficientemente capiente uscì in giardino e si avvio verso il gatto mentre rivoli di pioggia le scendevano dai capelli sulle gote. Soffiava un vento fortissimo che costringeva la pioggia ad una caduta profondamente inclinata. Il felino, spaventato da quella figura sconosciuta, fece come per andarsene ma il rumore dei croccantini nella scatola gli ricordò la sua vecchia famiglia e lo portò a tornare sui suoi passi e ad entrare nella scatola che intanto era stata poggiata sull’erba.

Francesca portò la scatola in casa mentre il gatto, di nuovo impaurito, si era stretto in un angolo cercando di farsi piccolo. Arrivata in casa, la ragazza poggiò la scatola sul tappeto del soggiorno e si mise ad osservare il gatto che poco a poco andava calmandosi mangiando i pochi croccantini rimasti sul fondo.

Francesca riempì un piatto di croccantini sperando che il gatto, una volta terminata la portata, sarebbe uscito dalla scatola in cerca di altro cibo e di calore. E così fu.

Il micio uscì con un movimento elegante e si chinò sul piatto per continuare il pasto interrotto. Ascoltando le rassicuranti fusa del gatto Francesca raccolse tutto il suo coraggio e allungò la mano sul peloso collo del felino il quale, dopo un iniziale attimo di sospettosa esitazione, tornò al suo piatto lasciandosi accarezzare dalla ragazza.

Il temporale primaverile era finito, anche se le nuvole coprivano ancora il cielo impedendo la vista delle prime stelle della sera. Francesca aprì la porta di casa sicura che il gatto, sazio e asciutto, sarebbe schizzato via senza voltarsi indietro ma così non fu: dopo due giri su se stesso il felino si era sistemato sul tappeto ed aveva cominciato a ronfare. La ragazza chiuse la porta e lasciò che il gatto passasse la notte a casa sua.

Al mattino Francesca fu svegliata da un potente raggio di sole sugli occhi. Arrivata in soggiorno trovò il tappeto vuoto e si mise a cercare il gatto sperando di non trovare troppi danni in giro per casa. Durante la ricerca si fermò di scatto vedendo che la scatola che aveva usato per portare il gatto dentro casa era ancora sull’armadio, piena delle sue scarpe vecchie, come sempre. Non ricordava di averla rimessa lassù.

Ritornò in soggiorno e si accorse che era scomparsa dal tappeto la grossa chiazza d’acqua e fango che il gatto aveva lasciato uscendo dalla scatola. Doveva aver sognato. Non c’era altra spiegazione. Avrebbe dovuto capirlo da quella scatola di croccantini per gatti arrivata da chissà dove.

Ancora col pensiero fisso a quello strano sogno così reale, la ragazza si vestì e uscì da casa diretta in facoltà. Aprì la porta strizzando gli occhi colpita dal forte sole di quella mattinata, attraversò il giardino frugando nella borsa a tracolla alla ricerca delle chiavi del cancelletto. Trovatele lo aprì per poi fermarsi subito dopo, come fulminata.

Il gatto la osservava con fare interrogativo dall’altra parte della strada. Francesca lasciò cadere la tracolla e il felino scappò in direzione delle campagne, spaventato.

La ragazza cerco di seguirne il percorso ma poi, accecata dalla luce del sole, lasciò perdere e si chinò a raccogliere la tracolla e gli appunti che ne erano usciti. Camminando verso la facoltà un ampio sorriso le illuminò il volto: tornando a casa avrebbe acquistato una scatola di croccantini per gatti.

Salvatore Teresi

Comments

Welcome To The Sea diventa social


facebook, welcome to the sea, ippoblog

In attesa dell’apertura del nuovo dominio IppoBlog.it, Welcome To The Sea diventa un po’ più social con l’adozione dei Like Button di Facebook per ogni nuovo post. Il pulsantino Mi piace è un’occasione unica di trasformare i numerosi visitatori occasionali di Welcome To The Sea in promotori dei contenuti del sito sul noto social network.

Quando un lettore clicca sul pulsante Mi piace, infatti, condivide sulla sua bacheca il link al post che ha gradito, diventando facilmente vettore di nuove visite per Welcome To The Sea.

In aggiunta a quanto detto, il nuovo pulsantino consentirà ai lettori di esprimere un’opinione immediata su quanto hanno appena letto regalandomi un feedback diretto che non avrei mai ricevuto con i soli commenti.

Oltre all’arrivo del pulsante Mi piace è stata riscritta la sezione L’autore con i collegamenti ai maggiori social network, presenti anche nella sidebar di Ippoblog insieme al link alla pagina ufficiale di Welcome To The Sea su Facebook.

Salvatore Teresi

Comments

Monologo breve


salvatore teresi, scout. writing, scrivere,

Cammino, in salita. In cerca della verità. Cammino in un mondo che nasconde la verità nella nebbia dell’ipocrisia. Cammino e sento in giro che non c’è la verità.

Dicono che la verità non esiste perché ciascuno ha la propria. Dicono che la verità è un’opinione. Dicono che tutto cambia se si guarda da un’altra prospettiva, anche la verità. Dicono che ogni cosa è relativa e che quindi non può esistere una verità assoluta.

Dicono che a cercare la verità si perde tempo, come a cercare Dio.

Appunto.

Salvatore Teresi

Comments

Colori


fiore, arcobaleno, colori,


Ti auguro di colorare il mondo in bianco e nero che troppo spesso vedi intorno a te.

Con il giallo del sole.
La luce che tu stesso emani e con cui illumini il mondo. La luce che, invece, ricevi dal mondo. La luce che arriva dallʼalto.

Con il verde della speranza.
Speranza nel futuro. Speranza di una vita come salita continua, senza pause. Speranza in te stesso. Speranza nellʼaltro.

Con lʼazzurro del cielo sconfinato. Perché tu possa puntare più in alto di quanto riesci ad immaginare. Perché tu capisca che non cʼè un limite alle tue possibilità se non quello che ti poni.

Con il blu dellʼoceano.
Perché tu possa navigare per il mondo senza paura di perderti.

Con il rosso della passione.
Passione per le persone che incroci nella tua strada, perché tu possa aprirti a loro ed avere confronti costruttivi. Passione per lʼimpegno politico e sociale, perché tu creda fermamente che puoi cambiare il mondo intorno a te semplicemente con la volontà. Passione per lʼarte, perché tu riconosca in un libro, in un quadro, in un film, non un semplice oggetto ma lʼimpegno dellʼautore di donarti parte di se stesso.

Passione per la vita, perché tu, come un bambino, possa continuare a meravigliarti fino alla fine delle infinite sfumature del mondo che puoi notare semplicemente guardando un poco più in la di dove guarda la maggioranza.

Duc in altum.

Prendi il largo.

Perché una barca a vela non è fatta per rimanere ancorata nel porto ma per navigare nellʼoceano.
Non aver paura di allontanarti dalla riva. Non aver paura di affrontare la tempesta. Se non rischierai di capovolgerti in mare aperto avrai sprecato il tuo tempo.

Salvatore Teresi

Comments

Perfezione casuale


neve roma, neve trigoria, neve roma 2010,


A passo di gatto ti muovi cauta,
riscaldi i cuori di chi si meraviglia,
raffreddi quelli di chi è già freddo,
sei perfezione casuale,
musa dell’arte,
corda d’arpa del vento,
ballerina del cielo,
pioggia di platino.
Neve.

Comments

Arcobaleno scippato al tempo


complete raimbow, arcobaleno completo, foto arcobaleno, banda di alessandro,

Ogni foto, lo sapete, ha una sua storia e qualcuna ne ha una che la rende un po' più interessante delle altre. Le foto sono come borseggiatori rapidissimi che scippano al tempo alcuni attimi.

Come ci insegna Wikipedia,

È difficile fotografare l'arco completo di un arcobaleno, poiché questo richiederebbe un angolo visivo di 84°. Per una fotocamera a 35 mm, una lente con una lunghezza focale di 19 mm sarebbe necessaria, mentre la maggior parte dei fotografi ha solo lenti con una larghezza angolare di 28 mm.


Per questo motivo, la foto che vedete allegata a questo post, di attimi, ne ha scippati ben quattro. Si tratta infatti di un collage di quattro immagini diverse fuse insieme via software da un'applicazione del mio iPhone, Pano (link App Store).

Poter fotografare un arcobaleno completo è sempre stato un mio piccolo sogno e riuscire a realizzarlo con un'ottica striminzita e senza saper usare Photoshop mi ha reso davvero felice. Poco importa se un traliccio dell'alta tensione ha provato a disturbare la mia opera. Non c'è riuscito. Anzi, ha sottolineato ancora di più la potenza di quell'arco colorato che solca il cielo.

Salvatore Teresi
Ippocampo

Comments

Nuvole




Esausta, Clara si era fermata un instante al margine del sentiero ed aveva sfilato dallo zaino strapieno una borraccia tutta ammaccata rivestita di feltro rosso.
"Due sorsi e si riparte", disse tra se e se.
Invece, poco distante da lei, intravide una grande roccia completamente ricoperta di morbido muschio verde.
"E se mi fermassi a riposare per un po'? Che mai saranno dieci minuti di ritardo sulla tabella di marcia?", si confortò.
E si sedette.

"Come si sta bene! Questa roccia è una poltrona naturale.", pensò.
E iniziò a guardarsi intorno, rilassata, finché il suo sguardo non si posò sul sentiero che stava percorrendo. Seguì la scia delle impronte che aveva inciso sulla terra asciutta e sabbiosa. La seguì finché divenne una linea così sottile che dovette strizzare gli occhi per distinguerla dal resto della pista.

Quando la traccia si confuse col paesaggio gli occhi si arresero e cedettero il passo alle immagini dei ricordi e allora, come la pioggia che inizia a cadere d'improvviso, Clara si ricordò dell'ultimo bivio che aveva incrociato. E poi di quello prima. E poi della biforcazione della settimana passata e così via dicendo.

Come macigni in una frana, le sue scelte passate le ricadevano addosso: "E se fossi andata a destra? E se avessi continuato verso quel boschetto di olmi? E se non avessi rifiutato il passaggio di quel fattore?"

Le lacrime cominciarono a solcare lentamente il volto della giovane viandante alimentate dalla cascata di rimpianti e di rimorsi che si era formata inaspettatamente. La tranquillità di un minuto prima era solo un ricordo e la solitudine si faceva sentire come non mai.

Ad un tratto, piegata ad un istinto intrinseco della natura umana, Clara alzò gli occhi al cielo e vide dei grossi e maestosi cumulonembi dipinti di un bianco purissimo. Come incantata, la ragazza restò a fissare le nuvole assistendo all'arte spettacolare del vento che piano piano andava modellando con maestria quella materia così delicata.

"Il vento è uno scultore paziente capace di opere tanto meravigliose quanto effimere. Non gli importa se la maggiorparte degli uomini, troppo occupata a vivere, ignora da sempre le sue sculture bianche. Non se la prende se pensa alla sorte delle sue creazioni passate, cadute come pioggia dalla vetrina del cielo. Il vento non ha rimpianti. Gli basta inspirare i poeti che restano ore e ore ad osservare l'evoluzione dei cirri. Gli basta incantare i bambini che riconoscono nelle nuvole bianche le forme più strane. Si accontenta di consolare chi è triste e cerca conforto in alto."

Tornando a guardare il sentiero da cui veniva, la viandante scoppiò in una grossa risata e volse lo sguardo in avanti con il vento che le soffiava alle spalle e le sussurrava parole di speranza.

Salvatore Teresi
Ippocampo

Comments

Inseguendo l'orizzonte


Man horizon, uomo, orizzonte, mare

Ero lì, a guardare il cielo, quando un grosso albatro attirò la mia attenzione e fece come per avvicinarsi a me. Con uno scatto repentino mi nascosi in una piccola cavità della roccia sulla quale mi riposavo. Ora ero al sicuro, ma godevo ancora di una visuale privilegiata su buona parte della spiaggia.

Intanto l’albatro era sceso a terra con un movimento apparentemente scoordinato e si era appollaiato in cima ad uno scoglio appuntito, a una decina di metri da dove mi trovavo. Forse non mi aveva nemmeno notato e io mi ero spaventato per nulla.

Improvvisamente vidi scattare il collo del grosso volatile in direzione di un punto preciso della spiaggia che era fuori dalla mia visuale. L’albatro sembrava spaventato anche se ancora dubbioso sul da farsi. Finalmente ruppe gli indugi e decise di alzarsi in volo con una manovra che mi parve indecisa alla pari di quella dell’atterraggio. Lo vidi allontanarsi verso il mare con grossi colpi d’ali e con le zampe che erano quasi scomparse tra le piume del corpo.

Sentii dei suoni provenire dalla direzione verso la quale l’albatro si era voltato spaventato e, pochi istanti dopo, vidi arrivare due figure che si muovevano nel bagnasciuga. Erano due uomini. Uno dei due aveva i capelli bianchi e un ciuffo di peli sul mento. L’altro, invece, doveva essere un cucciolo umano vista la grande differenza di altezza con il primo uomo.

I due si avvicinarono allo scoglio sul quale mi riparavo e, steso un piccolo telo, si sedettero sulla spiaggia. Il bambino giaceva con le gambe incrociate e giocherellava distrattamente facendo rotolare un ciottolo grigio tra le mani. Il vecchio uomo, invece, se ne stava ritto con le gambe ossute allungate davanti a sé e con lo sguardo fisso su un punto imprecisato tra le onde.

Così, nel silenzio, passarono due o tre minuti e intuì che il bambino doveva essersi stancato di mirare e rimirare il sasso levigato che teneva in mano perché lo lanciò violentemente in acqua provocando un tonfo sordo e anche qualche schizzo. A quel gesto l’uomo più anziano ebbe un sussulto, come se in quel momento si fosse destato da un sonno leggero.

“Ti ho spaventato nonno?”, chiese il bambino che si era accorto della strana reazione.
“Solo un po’.”, rispose l’anziano parente. “Ero soprappensiero”.
Sicuramente il bambino non si ritenne soddisfatto da quella risposta perché incalzò subito: “E a cosa pensavi?”.
“Non stavo pensando. Inseguivo l’orizzonte!”
“Inseguivi l’orizzonte?”, ripeté interrogativo il nipote.
“Vedi quella linea tra mare e cielo? Avevo giusto la tua età quando decisi che l’avrei raggiunta e che ci avrei camminato sopra come fa un funambolo con la sua corda.”
“E ci sei riuscito?”, chiese ingenuamente il bambino provocando un sorriso nel volto del vecchio uomo.
“No! È tutta la vita che la inseguo ma quando credo di avere fatto tanta strada, quando credo di essermi avvicinato abbastanza, mi basta alzare lo sguardo per vederla sempre là, dove l’avevo lasciata l’ultima volta. Sai tenere un segreto?”
“Certo!”
“Dopo tutti questi anni ho capito: l’importante non è toccare quella linea. L’importante è continuare ad inseguirla senza arrendersi. Anche se ti sembra impossibile, anche se qualcuno ti deride, anche se ti senti solo. Vedi, Giacomo, per quanto tu possa camminare nella sua direzione, l’orizzonte sarà sempre lì, a ricordarti che non si arriva mai. Un giorno capirai quanto ti ho rivelato e allora, quando ti siederai sulla spiaggia a guardare l’orizzonte come stavo facendo prima, capirai che hai fatto tanta strada e che ti sei avvicinato parecchio. Se avrai camminato ogni giorno nella giusta direzione potrai chiudere gli occhi e stendere la tua mano sull’orizzonte con la facilità con cui prendo questo granchio.”

A quelle parole vidi la mano rugosa dell’uomo avanzare verso di me e subito dopo mi sentii sollevare da terra. Non vedevo più nulla e per istinto iniziai ad agitare le zampe spaventato. Finalmente mi ritrovai sulla calda sabbia e ritornai a vedere. Prima di scappare in direzione del mare diedi un ultimo sguardo ai due uomini che avevano parlato in modo tanto strano e li vidi ridere di gusto mentre raccoglievano il telo e si allontanavano insieme.

Salvatore Teresi
Ippocampo

Comments

La foglia e la quercia


Foglie lobulate, quercia, ghiande,

Lo zaino pesava sulle mie spalle mentre percorrevo quel sentiero in salita. Non ero neanche a metà strada, eppure mi sentivo esausto. Dall’alto della sua posizione, il sole non mancava di farmi arrivare i suoi raggi che nei giorni scorsi avevano dipinto il mio naso e le mie guance di un rosso scarlatto.

Alzai gli occhi per cercare la fine di quella salita interminabile e, mentre l’ennesimo rivolo di sudore mi attraversava la fronte, notai un grande albero poco distante dal sentiero. Come chi non beve da giorni e scorge una fontanella in lontananza, raccolsi tutte le mie forze e aumentai il passo per raggiungere il più velocemente possibile l’ombra di quell’albero.

Una volta arrivato, lasciai cadere pesantemente lo zaino a terra e subito lo seguii coricandomi sull’erba e usando lo zaino come cuscino. Mentre prendevo fiato aprii gli occhi e mi resi conto che mi ero steso sotto una grande quercia; ad occhio e croce doveva avere più di cento anni.

Il vento mosse le fronde e, carezzandomi il viso, mi provocò dei piacevoli brividi che attraversarono velocemente la mia schiena. Fu a quel punto che la quercia iniziò a parlarmi.

Ciao viandante”, mi salutò. E subito prese a raccontarmi una storia mentre io ascoltavo in silenzio.


“Vedi quante foglie coprono i miei vecchi e nodosi rami? Se mi guardi da lontano non lo noti, ma ognuna di esse è diversa dalle altre ed ha una sua storia personale. Io conosco tutte le mie foglie, ricordo i loro nomi e le curo al meglio delle mie possibilità. Non manco di nutrirle ogni giorno e di farle crescere in modo che ad ognuna di esse non manchi mai il bacio del sole.

Qualche tempo fa accolsi una fogliolina e la amai fin dal primo istante. La chiamai Fiammetta perché vidi in lei una luce particolare. Fiammetta crebbe velocemente e divenne una delle foglie più belle tra quelle nate nei miei rami. I suoi lobi erano simmetrici, le sue venature erano ordinatissime ed il suo verde era paragonabile a quello di uno smeraldo puro.

Misi tutte le mie forze nel proteggere Fiammetta dal vento e da tutti i parassiti. Lei lavorava ogni giorno più di tutte le sue sorelle e produceva di più trasformando il bacio del sole in gemme preziose che mi donava immediatamente.

In una mattina di pioggia balenò nella testa di Fiammetta un pensiero mai provato prima: “Se io valgo e lavoro più di tutte le mie sorelle,” si chiese, “perché ricevo lo stesso nutrimento? Dovrei averne di più per crescere ancora e diventare più bella.”

Nell’udire questo pensiero mi rattristai parecchio e ammonii Fiammetta imponendole di non pensare più in quel modo perché nulla sarebbe cambiato. Le spiegai che io amavo lei e le sue sorelle nello stesso modo, anche se lei si impegnava di più.

Lei non apprezzò la mia risposta e si staccò dai miei rami, convinta di poter diventare una quercia più grande e più bella di me. Si staccò e si lanciò nel vuoto con l’intento di posarsi al suolo e di piantare radici sue.”



“E poi?”, osai chiedere visto che era sceso il silenzio. Il silenzio non si interruppe e capii che il racconto era finito e che dovevo ripartire. Mi alzai in piedi, misi lo zaino sulle spalle e feci un passo per ritornare al mio sentiero.

CRAC!

Sentii un forte rumore sotto il mio scarponcino da trekking e lo alzai subito per vedere cosa avevo calpestato. In mezzo all’erba verde c’era una foglia secca, contorta su se stessa. La raccolsi e la depositai alla base del tronco dell’albero.

Ritornai al mio sentiero e, continuando la salita, mi parve di sentire nel vento il pianto della quercia per la sorte di Fiammetta.

Salvatore Teresi
Ippocampo

Comments

Vento di speranza




L’eruzione era più violenta di quanto previsto. Dai nuovi crateri accessori, sorti nella notte a seguito di violenti terremoti, fuoriuscivano fiotti di lava incandescente. Spettacolari fontane di sangue lanciavano pericolosi schizzi rossastri a diversi metri di distanza.

In poche ore si erano formati sulle pendici del vulcano due fiumi di lava che, con percorsi distinti, scendevano fino alla spiaggia nera dove si riunivano prima di entrare in mare. Nel punto di quell’incontro così inusuale si era formata come una gobba sinuosa che, lentamente, andava da un rosso vivo fino ad uno spento marrone scuro. L’acqua era un continuo ribollire e la visibilità era pesantemente limitata dall’incessante formazione di vapore acqueo.

Intanto, ignari della propria fine, i due torrenti di porpora continuavano a scorrere e, di tanto in tanto, formavano percorsi imprevisti che non mancarono di passare per i magnifici boschi dell’isolotto.

Alla seconda settimana dal primo terremoto l’eruzione terminò lasciando il passo ad un panorama marziano. Ogni cosa era nerastra. Non una foglia attaccata ai rami degli alberi. Non un albero che non fosse nero come la pece o, peggio, piegato sul terreno. Visto dall’alto, l’isolotto si era ridotto ad un triste scoglio nero che forava la superficie dell’oceano.

Passò un anno prima che l’ultimo abitante abbandonasse l’isola: senza più speranza lo vidi salire sulla barca con il volto in lacrime.

Un altro anno e un altro ancora e Little Island stentava a riprendersi dalla fatica di tre anni prima.

Il miracolo arrivò una mattina di primavera: una piccola piantina, esile e indifesa, riuscì a sbucare fuori dalla lava indurita sfruttando alcune delle infinite cavità di quel minerale che, per formarsi, aveva distrutto ogni cosa. Le radici non ebbero difficoltà a trarre nutrimento da quel terreno e la pianta crebbe forte e rigogliosa.

Nei giorni successivi altre piantine forarono il manto nero e, incoraggiate dalla prima, colorarono di verde l’isolotto che divenne più bello di come fosse mai stato.

Ancora oggi, a trentanove anni dall’eruzione, passo spesso a salutare l’albero nel quale si è trasformata quella prima piantina. Mi insinuo tra le sue foglie, accarezzandole. Scombino delicatamente le fronde, muovendo i rami. Ridendo, trasporto lontano i suoi semi ricordandomi di quando, in quel giorno di primavera, depositai quel piccolo semino sulla terra nera.

Salvatore Teresi
Ippocampo

Comments

10 Febbraio 1989 - 10 Febbraio 2009


Ventesimo anniversario del primo schiaffo ricevuto!

Ippocampo

Comments

Il cielo

RUI, finestra , blu, cielo, freddo

Ascoltando musica celtica tengo lo sguardo fisso sul mondo che vedo dalla mia finestra. Ho una visuale così ristretta che non scorgo neanche tutta la strada. Solo una curva piena di automobili, qualche albero e, di tanto in tanto, il volo indeciso di un corvo nero.
Intorno a me tante case, sbarre di cemento armato della mia gabbia. Eh già, sono proprio in una gabbia. Non riesco a vedere nient’altro che il cielo.

Il cielo! Ecco, quello lo vedo. Non ci sono barriere tra me e il cielo. Vedo ogni cosa per chilometri e chilometri.

Il cielo è lo sfogo della mia fantasia: uno sguardo e mi trovo fuori dalla mia gabbia, e posso andare ovunque.

In quel dirupo laggiù, oppure in quella cascata lì in fondo. Posso venirti a trovare e tornare indietro più velocemente di qualsiasi aereo supersonico.

Finché ci sarà il cielo, nessuno potrà tagliare le ali della mia fantasia.


Salvatore Teresi
Ippocampo

Comments

Un semplice ponte



È come un vento impetuoso che sento crescere in me, come una luce che brilla da dentro e si agita perché vuole illuminare il mondo, come un torrente che spinge sulla roccia perché non ha sfogo.

E mi sento pieno, troppo pieno. In petto il cuore batte più veloce. Il respiro si muove a un ritmo nuovo, più intenso. Mi avvicino.

E inizio a parlare come non so fare, a fare quello che non vorrei fare, a volere ciò che non sempre desidero.

Non sono io: divento un mezzo, un semplice ponte, utile sì, ma solo a far passare il cavallo cavalcato dal principe.

Ippocampo

Comments

Welcome To The Sea: cambio di rotta

Semplicità è la parola d’ordine del nuovo Welcome To The Sea.

La leggibilità è al massimo, le trasparenze sono scomparse e i contenuti sono al centro della scena.

Spero che il cambio di rotta ti sia piaciuto.

A presto,

Ippocampo
Comments

WTTS è per un Tibet Libero



Mi unisco al Dalai Lama e a una gran parte dell’umanità nella speranza di Tibet libero dall’occupazione cinese il prima possibile.

Ippocampo
Comments

Tramonto sui pini

Guardando i pini marittimi dalla mia finestra romana mi sono messo a riflettere. Quei rami, sempre tesi, cosa cercheranno?

Salvatore TeresiLeggi...
Comments

Solitudine

Sento freddo!
Freddo che brucia da dentro.
Fa abbassare lo sguardo.
Scheggia gelida che trafigge l'anima.
Ghiaccio nel cuore. Cuore nel ghiaccio.
I miei passi sul nevischio impressi.
Poco muschio assiderato.
Il vento ruota, si ferma, scruta.
Silenzio trapassato da nera lancia,
urlando cade.
Non un fuoco che mi scaldi,
solo Speranza.

Salvatore Teresi
Comments

Come una goccia di pioggia

Piove. Vedi quella goccia di pioggia?
Cosa potrebbe mai pensare una goccia di pioggia che vede il mondo avvicinarsi inesorabilmente?Leggi...
Comments

Doccia

Mai pensato al piacere che provi quando entri nella doccia al mattino (o alla sera)?
Io ci ho provato!

Salvatore Teresi
IppocampoLeggi...
Comments

Pensieri

Oggi ho "partorito" qualcosa che rasenta l'ermetismo! Winking
Gli ermetici riuscivano però a comunicare sensazioni e messaggi profondissimi in un solo periodo,
io non so ancora se riesco a comunicarti ciò che voglio comunicare...
giudica tu!

Salvatore Teresi
IppocampoLeggi...
Comments

WTTS IV

Dal 7 Luglio 2007 ecco il più grande aggiornamento della veste grafica di Welcome To The Sea!
WTTS IV è arrivato!

Dopo il salto le novità!

Salvatore TeresiLeggi...
Comments

Incompatibilità

Eccomi di nuovo,
in questo periodo non ho scritto nulla! Oggi vi regalo "Incompatibilità", un pensiero che per quanto semplice e scontato possa sembrare, è il risultato di una serie di circostanze che dal mio punto di vista gli donano un peso speciale!
Spero che provochi una riflessione anche in te, lettore che oggi per caso o per tua scelta sei arrivato in questo mare.

Salvatore TeresiLeggi...
Comments

WTTS: è ora di archiviare

Per migliorare la leggibilità del blog e rendere il caricamento di IppoBlog più rapido ho attivato l'archiviazione dei post.
Nella pagina principale verranno visualizzati solo gli ultimi 15 post;
i più vecchi saranno raggruppati per anno di pubblicazione e saranno raggiungibili tramite gli appositi link posti alla fine della colonna di destra.
Ricordo che post più vecchi saranno raggiungibili anche nelle categorie di appartenenza.

Alla prossima
Ippocampo
Comments

Amicizia

Ritorno a scrivere in questo periodo d'esami.
Ne sentivo proprio il bisogno. Scrivere...buttare giù un pensiero. Dargli una forma. Così: d'impulso! Serve a svuotare la mente dai tanti pensieri che la offuscano e a cambiare il colore di un pomeriggio grigio.
In questo modo ho scritto "Amicizia"!Leggi...
Comments

WTTS: Sorprese in arrivo...

Entro fine febbraio arriveranno anche piccole sorprese che miglioreranno WTTS e ne modificheranno la struttura!
Aspetta e vedrai!

Ippocampo
Comments

Pèndoli

Scriviamo storie....storie d'amore....storie avventurose....storie dal lieto fine o dal tragico esito...
Oggi ho scritto...
Storie di pèndoli...Leggi...
Comments

La Libertà ci fa uomini

La libertà...la cosa più importante che possediamo.
Ecco perché nessuno può togliercela...Leggi...
Comments

L'ombra dai contorni d'oro

Nel mio cuore si è annidata un'ombra, un'ombra dai contorni d'oro.Leggi...
Comments

Un nuovo capitolo

Da oggi sono ufficialmente uno studente di Medicina e Chirurgia al Campus Bio-Medico di Roma!
Questo comporta una serie di importanti cambiamenti nella mia vita, primo fra tutti il mio trasferimento a Roma!
Leggi le mie riflessioni in merito...Leggi...
Comments

Piccole modifiche a WTTS

Dopo un periodo di aggiornamento dovuto all'inesorabile avvicinamento dei test d'ingresso all'Università, ricomincio a scrivere su WTTS!
In questi giorni il sito ha subito piccole modifiche...dopo il salto i particolari!Leggi...
Comments

Live from Jamboree

E' stata aggiunta a Route la pagina "Live from Jamboree" che conterrà il diario della mia esperienza al jamboree del centenario!

Per visitarla basta cliccare qui.

Commentate commentate commentate!

Ippocampo
Salvatore Teresi
Comments

Lacrima che fugge sul viso

Ormai mi capita di frequente: il mio cuore stacca il cervello e si occupa lui di pensare per qualche istante...Leggi...
Comments

Nuova alba

Una nuova alba si affaccia nella mia vita!Leggi...
Comments

WTTS III

Tranquillo, non hai sbagliato a scrivere...questo è proprio WTTS!

Oggi è il 7 7 7! Un giorno particolare, ricordalo anche per la pubblicazione di WTTS IIILeggi...
Comments